HOME      ALIMENTAZIONE NATURALE        PRIMI PIATTI                  SECONDI PIATTI       DOLCI PER COLAZIONE        DOLCETTI DEL MONDO      TORTE DECORATE E DOLCI      TORTE SALATE E PIZZE            RICETTE PASQUA       RICETTE NATALE       CARNEVALE      COPYRIGHT         COLLABORAZIONI


Icona RSSIcona-facebookIcona-twitterIcona-google+Follow Me on Pinterest

6 set 2009

OSTIE RIPIENE



L'ostia ripiena rappresenta, a mio avviso, un capolavoro  molto semplice  della tradizione dolciaria locale. Di origini  molto antiche è legato alla tradizione culinaria   di  Monte S'Angelo in provincia di Foggia, paese  con un centro storico medioevale molto suggestivo. 
Si narra che questo dolce sia stato creato  dalle monache, nelle cucine  del  Monastero  della Trinità di Santa Chiara, che nel cercare di raccogliere con delle ostie delle mandorle caramellate, cadute su di un ripiano,   si ritrovarono a non poter più staccare  l'ostia dal caramello. 
Il dolce si diffuse nei i vari monastri del paese (forse in cambio del nocino dei monaci) e  nei paesini vicini. 
Le cialde sono reperibili già pronte nel mio paesino ma vi confesso che preferisco prepararle da me   utilizzando l'apposito stampo. Per le ostie occorre: lo stampo per cucinare le ostie, farina e acqua.  Formate  una pastella un po' liquida tipo "colla" e ponete lo stampo sulla  fuoco e lasciate che si arroventi bene. Versate un cucchiaio del composto sullo stampo e  spalmate velocemente il composto. Un minuto di cottura  e ... via  girate lo stampo   per terminare la cottura dall'altro lato.  Preparate le ostie e mettetele da parte ( chiuse strette in un sacchetto di plastica si conservano bene per molto tempo).
Per il ripieno: 500 Kg. di  mandorle, 250 gr. zucchero 1 cucchiaio di miele.
Occorre preparare a fuoco basso un  caramello   con mandorle, zucchero, miele. Mettete gli ingredienti in una tegame basso e mescolate continuamente  con un cucchiaio di legno: noterete che lo lo sciroppo di zucchero e miele  si scioglierà fino quasi a coprire le mandorle (e che pian piano  inizieranno a schioppettare per via dela tostatura). Sistemate le ostie su  un ripiano, adagiate con un cucchiaio le mandorle tostate, tenendo cura di distanziare il composto  e chiudetele con un'altra ostia. Si preparano generalmente nei giorni di festa, Pasqua e Natale. La ricetta delle cialde l'ho pubblicata giorni addietro e la puoi trovare qui.



6 commenti:

  1. Ciao, complimenti per il blog!

    RispondiElimina
  2. Una volta riuscivo a trovare le ostie quando dovevo prepare il panforte ma ora il problema è: dove trovare lo stampo che indichi tu???
    E mi piacciono molto queste ostie farcite alla grande!!!

    RispondiElimina
  3. Beh in rete c'è questo bellissimo sito che le vende on line. Baci
    http://www.cbeelettrodomestici.it/prodotti.htm

    RispondiElimina
  4. Non potevo non fare un salto a curiosare!
    Complimenti!
    Un saluto
    Kemi

    RispondiElimina
  5. ma che belle! si fanno anche dalle mie parti, ma l'ho scoperto da poco, solo la ricetta è leggermente differente. Ma per farle serve per forza il ferro? non lo riesco a trovare e ne a trovare le ostie, mi servono per fare il torrone dei fratelli nurzia in casa. Grazie in anticipo!

    RispondiElimina