HOME      ALIMENTAZIONE NATURALE        PRIMI PIATTI                  SECONDI PIATTI       DOLCI PER COLAZIONE        DOLCETTI DEL MONDO      TORTE DECORATE E DOLCI      TORTE SALATE E PIZZE            RICETTE PASQUA       RICETTE NATALE       CARNEVALE      COPYRIGHT         COLLABORAZIONI


Icona RSSIcona-facebookIcona-twitterIcona-google+Follow Me on Pinterest

14 dic 2009

CIALDE PER OSTIE RIPIENE


Ho deciso di preparare delle cialde   in modo da poterle farcire  nei giorni di festa, mi serviranno per metterci le mandorle caramellate  e creare quei buonissimi dolci, le  ostie ripiene , ricetta  postata mesi addietro.
Vi riporto  adesso la ricetta delle cialde fatte con l'apposito stampo di ferro.
INGREDIENTI PER LA PASTELLA:

 100 gr.FARINA,
150 gr. ACQUA.
OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA PER UNGERE LO STAMPO
OCCORRENTE: STAMPO PER FARE LE OSTIE

 


Mettete in una ciotola la farina setacciata; aggiungete poco alla   volta l'acqua,  in modo che non si formino grumi; mescolate  bene.


Dovete ottenere un composto tipo pastella ...cremosa.


Prendete  lo stampo e mettetelo sul fornellino della cucina in modo che si arroventi bene; vi consiglio di utilizzare una fiamma media.


Versate  un cucchiaio del composto  sullo stampo caldo, chiudete lo stampo  e dopo 7 secondi rigiratelo per terminare la cottura dall'altro  lato. Servitevi di una forchetta per staccare la cialda  dallo stampo.


Versate ogni tanto  sullo stampo un po' di olio extravergine di oliva, distribuitelo   uniformemente,  aiutandovi con un  foglio di carta assorbente, su  entrambi i lati. 


Ed ecco la prima cialda!
Tagliate con le forbici  l'eccesso della  cialda che è fuoriuscita dallo stampo e  arrotondatele bene.


Ponete sulle cialde  calde  un piatto con un peso sopra, in modo da farle venire diritte ed evitare che si deformino.


E ualà ... ecco fatto! Pochi minuti  e poi...  una volta fredde  conservatele  in due  sacchetti di plastica e in un contenitore a chiusura ermetica.


Le cialde si possono farcire  con le mandorle caramellate.
 La ricetta è su un mio vecchio post.

Questo ferro per cialde dalle mie parti spesso  fa parte del "corredo " della sposa, assieme allo stampo per le ferratelle 
(scartellate) e alla  chitarra (attrezzo  per fare la pasta).
Provate anche i cantuccini!
AUGURO A  TUTTI  VOI BUONE FESTE!
 CLEMENTINA


23 commenti:

  1. Ma, ma,ma non ci posso credere!! Posso farle in casa??????? Che bello!! Senti ma posso usare anche per i ricciarelli??? Usi il ferro per le ferratelle vero??
    Ti adoro!!

    RispondiElimina
  2. Vanno benissimo per i ricciarelli ma non uso il ferro per le ferratelle, verrebbero delle cialde doppissime. E' un ferro proprio per le ostie. Dalle mie parti lo trovi facilemente, altrimenti puoi acquistarlo in rete ci sono molti siti. Da noi è usanza metterlo addirittura nel corredo! Baci

    RispondiElimina
  3. Clementina. fantastiche.... non ho mai pensato di fare le ostie!!!
    Queste tue sono perfette e la ricetta del post più vecchioè golosissima!!!!
    Complimenti!

    RispondiElimina
  4. Ma daaai!!!fortissima questa cosa, non sapevo che si potessero fare a casa!!!
    Brava e grazie della ricetta...

    ciao Morena

    RispondiElimina
  5. Sono fantastiche, non sapevo si potessero realizzare in casa, grazie per la ricetta.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  6. Ma che bello! Cioè tu sei riuscita fare le cialde di ostia in casa? Io pensavo fossero una cosa complicatissima! :)
    Che forza!

    RispondiElimina
  7. Che belle... Hai avuto una splendida idea! Complimenti!

    RispondiElimina
  8. Sono veramente sorpresa, non sapevo neppure dell'esistenza degli strumenti di cui parli nel tuo post!
    Molto interessante!
    Un saluto
    Kemi

    RispondiElimina
  9. Ma non credevo si potesso fare!!!! sei stata così brava!!! bacioni

    RispondiElimina
  10. Grazie! E' molto utile sapere come si fanno le ostie. In effetti ci sono molti dolci, soprattutto natalizi, che le richiedono.
    Che meraviglia: nel tuo corredo di sposa l'attrezzo per fare la pasta alla chitarra.
    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  11. Che bello quest'attrezzo,fantastico scoprire che veniva inserito nel corredo,hai fatto benissimo a mostrarcelo.
    In quale regione vengono usati?
    Te lo chiedo perchè devo assolutamente trovarlo,ma nella versione antica come la tua :)

    RispondiElimina
  12. Viene usato in Puglia, precisamente a Monte Sant'Angelo, il paesino dell'Arcangelo Gabriele a 25km da San Giovanni Rotondo.Baci Clementina

    RispondiElimina
  13. Ciao Clementina!!
    ma questa è un grande scoperta non sapevo che si potessero fare a casa!! complimentissimi!!
    baci e a presto

    RispondiElimina
  14. Me encanta esta receta, no te lo vas a creer pero estaba buscando donde comprarlos pero ya tengo la receta...
    Un beso desde España

    RispondiElimina
  15. Ciao Clementina, che belle queste cialde, non le ho mai mangiate! Tu sei venuta da me a guardare gli strozzapreti fatti con acqua e farina, ed io qui ad ammirare queste cialde fatte con solo, questi due ingredienti! E' questo il bello del cucinare!!
    Un abbraccio Arianna

    RispondiElimina
  16. Mai sentita questa ricetta, se ne impara sempre una nuova... Complimenti
    Ero passata per dirti che ho pubblicato il riassunto della raccolta funghi che sta terminando ed a cui hai partecipato, per il pdf si aspetta la befana...

    RispondiElimina
  17. Grazie mille Ale aspetterò con ansia!Baci

    RispondiElimina
  18. grazie , questa ricetta è fondamentale!!! bellissima!

    RispondiElimina
  19. Clementina, sei magica ....
    COMPLIMENTI e bellissimo!
    BUONE feste a tutti amici di questo blog!
    un caro abbraccio a Clementina
    lisa

    RispondiElimina
  20. Ti ringrazio per aver parlato delle ostie, non avevo idea di come cuocerle! -.-' .. nella padella per le creppes non vengono.. :(
    Ora lo so! (ti ho citata nel post di oggi che parla delle ostie!!!).
    Ciao!

    RispondiElimina
  21. Le ho fatte....una meraviglia,facilissime,buonissime.Ho lo stampo da anni,comprato da Peroni a Roma ma lo avevo usato solo una volta per fare i coni gelato ( con l'albume).
    Grazie di cuore.

    RispondiElimina
  22. Conosco Peroni ... soli lì' lo potevi trovare! Buona giornata.

    RispondiElimina