HOME      ALIMENTAZIONE NATURALE        PRIMI PIATTI                  SECONDI PIATTI       DOLCI PER COLAZIONE        DOLCETTI DEL MONDO      TORTE DECORATE E DOLCI      TORTE SALATE E PIZZE            RICETTE PASQUA       RICETTE NATALE       CARNEVALE      COPYRIGHT         COLLABORAZIONI


Icona RSSIcona-facebookIcona-twitterIcona-google+Follow Me on Pinterest

01 dic 2009

PIZZE FRITTE O PETTOLE DI NATALE

 

Natale è ormai alle porte...
Tutto è addobbato a festa, l'albero di Natale, il presepio, le candele, le luci colorate e l'angioletto posto alla porta d'ingresso.
Nella sala un grosso vaso con rami di Asparaus,  Agrifoglio, Ilex verticillata e rami di  conifera, un bellissimo tripudio di bacche rosse !
Dalla cucina arrivano  musiche natalizie  e un sottile profumo di pasta lievitata.
E' quasi tutto pronto... bisogna solamente friggere una delle specialità gastronomiche  più antiche della tradizione natalizia garganica, le pizze fritte !
Io ci vado matta, sono buonissime!
Le pizze fritte sono piccoli triangoli di pasta lievitata, cotti o meglio fritti nell'olio d'oliva.
Una ricetta semplice da preparare che prende nomi diversi  a seconda dei paesini limitrofi, a   Vieste e a Foggia  le chiamano "pettole"!  Nel mio paese, San Giovanni Rotondo, era tradizione friggere "pizze fritte,"  "calzoncelli con i ceci" e   "carangi", la vigilia di Natale.
Ricordo ancora il forte odore di frittura nelle stradine del paese! 
Comunque,  sono pizzette che non possono mancare  sulle tavole natalizie altrimenti... non è Natale!

INGREDIENTI:
1 kg. di farina 00,
più  200 gr. di farina che  servirà per infarinare
 e spolverizzare il piano di lavoro, 
1 cucchiaio di sale grosso da cucina (20 gr),
2 patate lesse,
1 pezzo di lievito di birra, 25 gr.
450 gr. circa di acqua.
1 litro di  olio extravergine di oliva per friggere. 
Procedimento:
Mettete la farina a fontana sulla spianatoia; aggiungete le patate,  lessate e passate nello schiacciapatate,  il sale, sciolto in mezzo bicchiere di acqua calda; versate per ultimo il lievito sciolto in  tiepida tiepida. 
Impastate gli ingredienti con l' acqua calda: la quantità d'acqua è all'incirca 450 gr. ma conviene  versarla gradualmente e regolarsi di conseguenza. Dovete comunque  ottenere un impasto  morbido e liscio. Spolverizzate  spesso  il piano di lavoro con della farina per evitare che l'impasto si attacchi. 
Fate un panetto, mettetelo in un contenitore e copritelo  con la pellicola trasparente;  ponetelo al caldo per  circa un'ora.



Prima di porre il panetto nel contenitore ungetelo con dell'olio extravergine di oliva e sulla parte superiore  fate  una croce con un coltello.
A questo punto dalle mie parti si dice:
"Crisc massa, crisc massone come criscette Gias Crist ind' lu tron'!"
Tradotto in italiano: "Cresci massa, cresci  bella massa grande, così come è cresciuto Gesù Cristo nel suo trono!"
Riprendete il panetto, che nel frattempo  dovrebbe  essere  raddoppiato di volume, e stendete una sfoglia dello spessore di circa mezzo centrimetro.
Con un coltello tagliate  la sfoglia in tanti triangolini di  varie dimensioni e sploverizzate sempre il piano di lavoro con della farina.





Versate circa un litro di olio extravergine di oliva  in una pentola o in o una teglia dai bordi di almeno 10 cm.  Immergete i triangoli di pizza nell'olio bollente  e friggeteli da entrambi i lati, tirateli fuori quando avranno assunto un bel colore dorato.



Metteteli a scolare in un colapasta.


Trasferiteli in una cesta ricoperta da fogli di  carta assorbente in modo da lasciare ancora sgocciolare l'unto di cottura.  A me piacciono  calde e mangiate così come sono nella loro semplicità senza salumi e formaggi.


Queste pizze  si prestano ottimamente ad essere imbottite da caciocavallo, salumi e ricotta.
C'è  anche una versione della pizza fritta " dolce" condita con vin cotto   caldo.

"Bisogna essere forti per diventare grandi: ecco il nostro dovere." Padre Pio.

28 commenti:

  1. Non le conosco ma devono essere molto buone!!!Proverò
    UN ABBRACCIO

    RispondiElimina
  2. che belle che sono,sicuramente sono anche buonissime,complimenti!!

    RispondiElimina
  3. buoniiiiiii anche noi le facciamo simili e mettiamo dentro o ricotta o acciughe...buonissime!!baci

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. le adoroooooooo!!! anche la mia mamma le fa... devo provarle assolutamente....bravissima

    RispondiElimina
  6. beh io li imbottirei di tutto...favolosi!

    RispondiElimina
  7. Devo dire che le pettole mi piaccciono molto normali ma anche super devono essere ottime!!!

    RispondiElimina
  8. ma che buone!!!!! peccato alla "ciccia"

    fantastiche !!! grazie

    ciao army

    RispondiElimina
  9. Da me in Toscana si chiamano zonzelle, ficattole, panzanelle a seconda della città.
    Comunque si chiamino sono una cosa stratosfericaaaa!!!!!!

    RispondiElimina
  10. le zeppole!!!!!!!!!!! ne sono ghiotta!

    RispondiElimina
  11. Non sono zeppole, ma pizze fritte!

    RispondiElimina
  12. ciao Clementina..
    per le tue frittelle baratterie anche una torta al cioccolato ci stai??^_^

    RispondiElimina
  13. Che ne dici di barattarli con due dei tuoi arancini?

    RispondiElimina
  14. Sai che non riesco a ricordare se le ho mai assaggiate? Mi sembra di aver addentato qualcosa di simile tanti anni fa, ma non sono sicura. E comunque devono essere buonissime!

    RispondiElimina
  15. io le conosco con questo nome.... :-(

    RispondiElimina
  16. Mamma mia che pagherei per provarne una,anche a quest'ora al posto del latte e biscotti me li papperei volentieri :P

    RispondiElimina
  17. Ciao, le conosco con il nome di panzerotti! Sono ottime, una golosità con i salumi affettati! Brava

    RispondiElimina
  18. ♥Noo sono bellissime!!!solo al sud ci sono queste meraviglie solo per questo sono contenta di essere napoletana per il resto no!
    bravissima come sempre!!!
    baci baci

    RispondiElimina
  19. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    RispondiElimina
  20. Con molto piacere e grazie per l'invito. Auguri di buone feste a tutto lo staff di Petitchef. Clementina

    RispondiElimina
  21. Ciao Clementina,
    io sono di San Giovanni Rotondo, ma da un po' di anno vivo a Lecce. Buone le pizze fritte!! Qui si chiamano pittule, ma secondo me sono un po' più pesanti delle nostre amate pizze fritte!! Che buone!! Gnam gnam!!

    RispondiElimina
  22. abito in francia ma sono del gargano le ricette mi ricordano l infanzia grazie.viva la puglia .

    RispondiElimina
  23. Non ti resta che metterti ai fornelli adesso hai la ricetta! Grazie a te! Clementina

    RispondiElimina
  24. Sono buonissime, da noi a Ferrandina in Basilicata si chiamano pettole e sono rotonde con il buco al centro simili alle ciambelline. A me piacciono soprattutto mangiarle a Natale e mangiarle con dello zucchero o un pò di miele sopra.:P

    RispondiElimina