HOME      ALIMENTAZIONE NATURALE        PRIMI PIATTI                  SECONDI PIATTI       DOLCI PER COLAZIONE        DOLCETTI DEL MONDO      TORTE DECORATE E DOLCI      TORTE SALATE E PIZZE            RICETTE PASQUA       RICETTE NATALE       CARNEVALE      COPYRIGHT         COLLABORAZIONI


Icona RSSIcona-facebookIcona-twitterIcona-google+Follow Me on Pinterest

21 apr 2012

FRACCHIE SAN MARCO IN LAMIS E PROPATO PASQUALE


Convento di San Matteo in San Marco in Lamis 

Innumerevoli tradizioni e riti religiosi accompagnano la Santa Pasqua in Puglia, a partire dal Gargano fino al Salento. Riti religiosi suggestivi e celebrazioni antiche emozionano   e fanno vivere  momenti indimenticabili.
   


Tra questi rituali particolare  rilevanza  assume il rito delle fracchie  che si svolge durante la processione del venerdì santo in San Marco in Lamis,  piccolo centro garganico in provincia di Foggia.
Le Fracchie sono delle gigantesche  torce, lunghe anche dieci metri, composte di fasci di legna poste su  due ruote metalliche che vengono  trasportate  a   mano  con delle corde da  decine  di ragazzi.  
La parte terminale della fracchia viene appesantita con dei  sacchi pieni di sabbia in modo da  assicurane  la stabilità ed evitarne il sollevamento. 
Un rito antichissimo  spettacolare e colmo di significato. Le  torce infuocate, o meglio le fracchie, servirebbero ad illuminare il cammino della Madonna dell'Addolorata alla ricerca del figlio morto.
Un rito, candidato a Patrimonio Immateriale dell'Unesco e che quest'anno ha avuto come ospite d'onore il cantante  Albano Carrisi! Un patrimonio culturale e storico  da tutelare e salvaguardare!!



Ecco le Fracchie pronte per sfilare in processione per le vie del paese!! Ogni fracchia è costruita a devozione di una Madonna, infatti,  ognuna di esse   è  accompagnata da  uno stendardo o un'icona .


Una tradizione che  coinvolge  giovani e  adulti sammarchesi già molti  mesi prima. 
 Bisogna reperire la legna giusta, prelevata per la quasi totalità  nel vicino  e bellissimo bosco di San Matteo, e costruire con  maestria   le fracchie in  modo che possano bruciare totalmente e velocemente.   


Un lamina di ferro posta nella parte bassa della fracchia  funge da raccoglitore   per i residui di  cenere e carbone.

Sopra ogni fracchia generalmente è posto un ragazzo, un fracchista, che aiuta ad accendere  la  fracchia anche dall'alto

Torce infuocate illuminano e avanzano nella  notte e precedono il cammino della Madonna! 

Le  confraternite accompagnano con preghiere,  laudi e nenie,  la  processione... 

La statua della Madonna dell'Addolorata viene  portata  a spalla dai fedeli.

Un attimo.... e  il paese è pieno di alte   folate  fumo!! 

Si ha quasi l'impressione di vivere  antichi riti pagani!


L'atmosfera diventa suggestiva e surreale...fiamme  maestose, alte anche cinque metri, iniziano a danzare in uno scintillante gioco di luci... 


Un' emozione  da vivere e che mobilita  moltissimi turisti da tutte le parti d'Italia.  E adesso la ricetta...

Ricetta del Propato pasquale 


di San Marco in Lamis 

Il Propato pasquale di San Marco In Lamis è un dolce tipico di questo paese. Un dolce spesso intrecciato dalla forma circolare molto, molto bello. E' aromatizzato al profumo di chiodi di garofano, cannella, arancia e miele. Ha una textura non molto morbida, per via dell'aggiunta del miele, che confersice al dolce un sapore di pane dolce. Va consumato in breve tempo perchè facilemente tende ad indurire.
La ricetta l'ho presa qui... 
1 kg. di farina,
1/4 di bustina di chiodi di garofano in polvere,
2 uova,
1/4 di bustina di cannella in polvere,
250 gr.di lievito naturale,
1 bicchierino di alcool puro,
250 gr. di zucchero,
1 buccia di arancia grattugiata,
miele q.b.

Disponete la farina a fontane su un piano di lavoro, potete utilizzare anche l'impastatrice, e unite poco alla volta tutti gli ingredienti. Impastate bene in modo da ottenere un impasto morbido e lasciate lievitare per una notte intera o per 24 ore.

Riprendete l'impasto e lavoratelo nuovamente in modo da ammorbidirlo. Formate dei rotoloni lunghi 50 cm e spessi 2-4 cm e chiudeteli a forma di tarallo. 
Infornate in forno caldo 180° per circa 30- 35 min. Al più presto pubblicherò le foto step by step.

Buon fine settimana!!

8 commenti:

  1. Che belle queste manifestazioni, fanno parte parte della nostra storia, io quando posso le seguo con piacere. buona settimana Daniela.

    RispondiElimina
  2. Cara Clementina,
    grazie per la tua storia-cucina. Le tue ricette hanno un grandissimo valore, complimenti!
    Ciao Rosa :)

    RispondiElimina
  3. non conoscevo questo rito che viene effettuato a Pasqua....ma è sempre bello conoscere nuove tradizioni....bacini

    RispondiElimina
  4. Grazie Rosa i tuoi complimenti sono sempre bene accette. Adoro andare alla ricerca di tradizioni e ricette della gastronomia della mia terra. Buon fine settimana!!A presto un abbraccio!

    RispondiElimina
  5. Ciao, passo per invitarti al mio nuovo contest sulla cucina al microonde!

    http://panperfocaccia-grianne.blogspot.it/2012/05/contest-cucina-al-microonde-con-lekue.html

    Buona serata!
    Cristina

    RispondiElimina
  6. Love it darling! Check my blog and tell me if you wanna follow each other! ;) Kisses from Romania!

    FashionSpot.ro

    RispondiElimina
  7. Ciao, sei nell'elenco di I LOVE YOUR BLOG DAY!!! http://torsolo-di-mela.blogspot.it/2012/05/prima-di-postare-una-nuova-ricetta.html

    RispondiElimina
  8. Ecco l'ho trovato è la stessa ricetta che ho io... grazie per l'articolo sulle fracchie.... buona giornata

    RispondiElimina