HOME      ALIMENTAZIONE NATURALE        PRIMI PIATTI                  SECONDI PIATTI       DOLCI PER COLAZIONE        DOLCETTI DEL MONDO      TORTE DECORATE E DOLCI      TORTE SALATE E PIZZE            RICETTE PASQUA       RICETTE NATALE       CARNEVALE      COPYRIGHT         COLLABORAZIONI


Icona RSSIcona-facebookIcona-twitterIcona-google+Follow Me on Pinterest

08 mar 2011

FARRO A TAVOLA E MAGGIOR ASSUNZIONE DI FIBRE




Il farro  o Triticum, è un cereale appartenente  alla famiglia delle graminacee  (da farro deriva il nome farina). Prende nomi diversi a seconda della dimensione: Triticum monococco, piccolo; T. dicocco, medio; T. spelta, grande.
E' un cereale originario dell'Asia e le sue origini risalgono a circa 3000 anni fa. Il Triticum monococco è stata la prima specie di cereale coltivata. 
Mentre il T. dicocco   è quello che si è diffuso maggiormente nel Mediterraneo ed è stato il più utilizzato in Italia. Lo Spelta è invece coltivato nel Nord Europa. 
Pare che gli antichi romani ne abbiano fatte belle scorpacciate, oltre a utilizzarlo come merce di scambio. Nel mondo latino le  spose durante la celebrazione del matrimonio offrivano  simbolicamente allo sposo del pane o torta  di farro in segno di buon auspicio.
Il farro è un cereale  resistente al freddo ma ha poca resa per ettaro rispetto agli altri cereali  ed è per questo che durante il Medioevo si è preferita la cotivazione di altri cereali abbandonando quasi completamente la sua coltivazione.
Perchè  parlare di farro? Mangiare farro o utilizzarne la  semplicemente la farina?
Perchè è un cereale eccezionale, ricco di vitamine A, B, C, E, sali minerali, calcio, magnesio. Inoltre, è' ricchissimo di fibre insolubili (crusca), che favoriscono il senso di sazietà e  la regolazione dell'intestino per cui indicato nel  trattamento della stitichezza. Il tutto ovviamente con minor apporto calorico e lipidico.



E' senza dubbio il cereale meno calorico e  aiuta a mantenere la linea! Confesso che è l'unico cereale che mi sazia quasi immediatamente e mi evita i famosi "attacchi di fame". 
Vi starete chiedendo: " Allora ha il sapore di crusca?". Assolutamente no! E' un cereale molto  gustoso! Per il suo alto contenuto di glutine si presta benissimo alla preparazione di pizze, focacce e sopratutto del pane, che a mio avviso, è molto più buono di quello di frumento, è  più profumato! E' ovvio che quando ci si impasta la farina di farro è necessario utilizzare una maggior quantità di acqua poichè le fibre in esso contenuto ne assorbono di più.  
Il consumo di cereali raffinati negli ultimi decenni ha senza dubbio contributo alla diffusione di tante malattie. Si ricorre  molto facilmente   agli integratori e alle famose  tavolette di crusca e allora perchè non inserire nella nostra alimentazione  pasta, pane  o quant'altro di farro?
Senza considerare poi l'elevato contenuto di magnesio,  potente minerale anti-invecchiamento. Quindi farro per mantenersi giovani!
Queste solo alcune ricette che ho provato con la farina di farro: Pizza, Sgonfiotti, Angelica Salata, Ciambellone all'arancia,  Pane Azzimo, Spaghetti al farro integrale e bietole, Farrata di Carnevale.


Clementina

3 commenti:

  1. adoro tutte le zuppe a base di farro, con legumi o verdure, e ne confermo la bontà del gusto. confesso però di non averlo mai provato in farina per la panificazione. mi incuriosisce e lo farò.
    ciao!

    RispondiElimina
  2. mai provata la farina di farro, l'ho fatto solo in zuppe ed è delizioso ^_^

    RispondiElimina