HOME      ALIMENTAZIONE NATURALE        PRIMI PIATTI                  SECONDI PIATTI       DOLCI PER COLAZIONE        DOLCETTI DEL MONDO      TORTE DECORATE E DOLCI      TORTE SALATE E PIZZE            RICETTE PASQUA       RICETTE NATALE       CARNEVALE      COPYRIGHT         COLLABORAZIONI


Icona RSSIcona-facebookIcona-twitterIcona-google+Follow Me on Pinterest

20 nov 2009

OLIVE BIANCHE IN SALAMOIA DI MAMMA NUNZIA


Tutto comincia da qui...  la  raccolta delle olive!


Bisogna fare in fretta, stormi di uccelli cominciano a beccare il nettare d'oro della Puglia...


Questa ricetta l'ho trovata nel ricettario di famiglia ed è stata scritta da mia sorella, ve la riporto tale e quale, perchè mi piace da morire!
INGREDIENTI:

 1 kg. di olive bianche,
20 gr. di soda,
70 gr. di sale grosso da cucina,
uno spicchio d'aglio,
un rametto di finocchietto selvatico.

Selezionare le olive  e lavarle; metterle in acqua  il tanto che basta per farle giocare. Nell'acqua sciogliere la soda (detta volgarmente "pietra"). Adagiare sopra un telo pesante (strofinaccio doppio) per evitare che le olive  a contatto con l'aria anneriscano. Lasciare le olive in ammollo   per  24 ore; prima di svuotare l'acqua  e  sostituirla con altra  acqua pulita,   sollevate lo strofinaccio e controllare che l'acqua abbia cambiato colore (deve essere di colore scuro). Quindi, sostituirla  con acqua pulita.


Un ulteriore controllo:
1)  con un coltello  provare a togliere la polpa  dal nocciolo se viene via è ok;
2)assaggiarle, dopo averle lavate, e sentire se sono ancora amare.
Sostituire l'acqua ogni giorno o più volte al dì.
Quando l'acqua sarà limpida e l'oliva avrà "vomitato " la soda, diventando dolce,  si potrà salare aggiungendo  70 gr. di sale grosso a chilo.


Per saper quanta acqua occorre  è necessario  porre in un recipiente le olive e ricoprirle di acqua. Quindi, togliere l'acqua del contenitore, conservarla e salarla: sciogliere il sale grosso  in acqua calda, fare  raffreddare; unire uno spicchio di aglio intero e il rametto  di finocchietto selvatico. Versare il liquido nei barattoli fino a coprire le olive. E' preferibile dare il bagnomaria per un paio di minuti. Un tempo più lungo  le cuoce  facendole diventare più molli.


Queste  olive servono ad esercitare:
1)  la pazienza;
2) l'attenzione;
3) la memoria.


Ringrazio la mia dolce metà, Davide, per avermi regalato queste bellissime foto. 
A PRESTO!


9 commenti:

  1. Che bella questa ricetta! Ha il prufumo di casa, di famiglia e di amore.
    Complimentiiiiiii

    RispondiElimina
  2. ....anche dalle mie parti si raccolgono le olive, e i miei geitori nè hanno parecchie, infatti io in 33 anni credo che non abbia mai mangiato l'olio che non sia stato prodotto dalla mia famiglia...
    è una vera ricchezza...
    la ricetta di tua sorella è veramente carina..
    buona domenica

    RispondiElimina
  3. Ma che bellezza.. mi hai fatto sognare!!!! bacioni buon w.e :-))

    RispondiElimina
  4. Grazie a tutti e buon fine settimana

    RispondiElimina
  5. ciao Clementina!!
    che foto meravigliose!!! spettacolari!!! complimenti e buon w.e.

    RispondiElimina
  6. Cioa Katty, in questo momento sto facendo una tua ricetta: torta con la ricotta. Buon w.e.

    RispondiElimina
  7. Ma sai che non le ho mai preparate,le ho viste spesse volte in vendita ma non sapevo nemmeno da dove iniziare per condirle e renderle mangiabili,grazie per la ricetta :P

    RispondiElimina
  8. Clementina beata te che vivi in questa bellissima terra!io me li sogno quei posti...bella ricetta,grazie!!

    RispondiElimina
  9. anche io li faccio,anzi li ho gia nel barattolo,sono buonissime e si accompagnano bene dappertutto!!baci

    RispondiElimina